murgiasviluppologo

e-SUAP, CITTADINI PIÙ VICINI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

A settembre il varo della nuova piattaforma telematica di Murgia Sviluppo

In un contesto ancora troppo complesso di norme in continuo aggiornamento, un punto di riferimento per 16 comuni quanto a sicurezza, rapidità, efficienza

 

Claudio Amato
Claudio Amato

Presidente Amato, da Suap a e-Suap. Sotto la coltre dei soliti acronimi, magari con una spruzzata d’inglese, c’è tutto un mondo da scoprire

<Lo snellimento dei procedimenti che passano attraverso lo Sportello unico per le attività produttive, il Suap, appunto, costituisce uno degli obiettivi gestionali che fin dal mio insediamento mi sono prefisso. Un obiettivo alquanto ambizioso considerata la molteplicità di soggetti/enti coinvolti ma soprattutto tenuto conto della complessità delle norme nazionali e regionali in continuo aggiornamento>.

La “e” di e-Suap sta per “elettronico”, ma forse anche per “elementare”.

<La nuova piattaforma rappresenta sicuramente un’importante tappa nel percorso che ha come obiettivo finale l’avvicinamento dei cittadini alle amministrazioni coinvolte nei procedimenti, a cominciare dai comuni consorziati, ma soprattutto l’erogazione di un servizio sicuro, rapido, efficiente, in grado di soddisfare i bisogni degli utenti/imprenditori che investono nell’area murgiana>.

Che a dire il vero è una sorta di “area vasta”.

<È vero: l’ingresso nella società consortile di alcuni comuni un po’ distanti dall’epicentro murgiano ha comportato questo allargamento geografico. Che, va detto subito, rappresenta un indubbio successo per la società consortile>.

Michele Martinelli
Michele Martinelli

Vediamoli, dunque, questi municipi che nel tempo hanno aderito alla Scarl: Altamura (soggetto capofila), Acquaviva delle Fonti, Binetto, Bitritto, Cassano delle Murge, Casamassima, Capurso, Conversano, Grumo Appula, Minervino, Noci, Palo del Colle, Poggiorsini, Sammichele di Bari, Spinazzola, Toritto. Claudio Amato li elenca con malcelata soddisfazione. Trentatre anni, una laurea in Legge all’Università degli Studi di Bari, un master in Human resources, conseguito alla Lum Jean Monnet, oggi collabora con la Business school and consulting della stessa LUM, dopo aver maturato esperienza manageriale in una delle aziende storiche del distretto produttivo appulo-lucano, la Valdadige spa, messa in piedi dal padre

I sindaci-soci della scarl intravedono in Amato le notevoli competenze imprenditoriali e manageriali e a ottobre 2015 incassa il gradimento dei sindaci-soci. Opera sin da subito per modernizzare e rendere più competitivi i servizi locali della più importante impresa a “capitale pubblico” del territorio.

La scarl Murgia Sviluppo offre ai comuni soci l’assistenza tecnica delle pratiche di nuova creazione d’impresa per quanto attiene l’insediamento, il trasferimento e l’ampliamento delle attività produttive e ovviamente al rilascio dei titoli necessari, oltre che per la costruzione, per svolgervi l’attività imprenditoriale. Che si tratti di un negozio, di una bottega artigiana, così come di un grande ipermercato o di una enorme fabbrica. Un servizio che nasce come una sperimentazione proseguita nel tempo e costituisce il frutto maturo di una cooperazione interistituzionale avviata fin dal 1999.

murgia gazzetta
La Gazzetta del Mezzogiorno

Amato, torniamo alla piattaforma: quando sarà operativa?

<e-Suap è un nuovo sistema di gestione del lavoro di back-office, una piattaforma disponibile su cloud (la “nuvola” digitale, ndr) direttamente fruibile da pc, tablet o smartphone, erogata in modalità “Software – as – a – service” . La fase di test è partita a luglio, ma il sistema entrerà a regime nel corso del mese di settembre>.

Quali enti vi potranno accedere? E come?

<I cittadini e le imprese interessate al servizio e inoltre tutti gli enti coinvolti nei procedimenti Suap: Vigili del fuoco, Asl, Regione, Città metropolitana, gli uffici di tutti i comuni convenzionati. Gli utenti dovranno solo accreditarsi. Non è più necessario utilizzare la pec come fatto finora e che spesso aveva creato alcuni disguidi. Ora basterà inserire i dati e allegare i documenti nella piattaforma telematica>.

Le principali funzionalità?

<La piattaforma è accessibile in tutta sicurezza attraverso una applicazione web fruibile con i più comuni browser in uso, da Chrome a Explorer. Il cittadino dotato di firma digitale dovrà registrarsi al portale, prima di poter inserire on-line la pratica e caricare gli allegati senza limiti di dimensioni (un elemento, quest’ultimo, da non sottovalutare). Al termine della procedura l’utente potrà scaricare la ricevuta dell’inoltro della richiesta. Contribuiremo a fare delle nostre realtà città più efficienti, comode, per usare una parola alla moda a farne delle smart-city>.

Gli utenti, che siano tecnici, commercialisti, imprenditori o semplici cittadini dovranno essere formati.

<Direi che non è necessario: il software è talmente semplice e intuitivo che non servono particolari istruzioni. Basterà seguire passo passo la compilazione dei modelli. Nella fase di test, gli utenti potranno testare la piattaforma ed inviare suggerimenti affinché la stessa possa essere migliorata. Il cittadino/utente è al centro delle nostre attenzioni. Egli è il primo destinatario delle attività svolte dalla squadra di Murgia Sviluppo>.

Presidente, una sintesi delle attività di Murgia Sviluppo.

<Certo. La piattaforma mira a snellire le procedure, obiettivo tangibile e concreto. E soprattutto conseguibile. Ma serve pure a ridurre (noi speriamo ad eliminare) al minimo gli errori nella compilazione della modulistica visto che il sistema non consentirà l’inoltro al Suap dei modelli non compilati correttamente. I soggetti pubblici e privati coinvolti nel procedimento potranno accedere immediatamente alle informazioni contenute nel fascicolo della singola pratica, compresi quelli di competenza dei soggetti interessati (definiti “enti terzi”) ed essere aggiornati in tempo reale sullo stato degli endo-procedimenti e potranno altresì conoscere il tempo di evasione degli stessi>.

Si va verso la dematerializzazione dei procedimenti?

<A cominciare dall’utilizzo della firma digitale. La piattaforma, in definitiva, mira a realizzare uno degli obiettivi previsti dalla riforma che porta il nome del ministro Madia ovvero a concretizzare una pubblica amministrazione digitale, interconnessa con processi ripensati e standardizzati>.

Il futuro prossimo?

<Con il tempo la piattaforma sarà implementata e consentirà anche il pagamento elettronico dei diritti Suap. Stiamo già lavorando. Ed è pronto il nuovo tariffario con delle riduzioni dei diritti previsti per alcuni procedimenti>.

E poi?

<E poi, allargare i confini. Aspettiamo da un giorno all’altro la definizione dei procedimenti per l’ingresso di Alberobello nella società consortile. Posso concludere con uno slogan?>

Prego.

<Cambiare la PA si può. Anzi, si deve>.

 

Martedì convegno nella sala consiliare di Altamura

SPORTELLO UNICO 3.0

 

Depliant_MurgiaSviluppoHRLa piattaforma che mette tutti in comune. È uno slogan ma pure il titolo del convegno-seminario che si terrà martedì prossimo (inizio alle 17) nella sala consiliare del Comune di Altamura. Nel corso dell’evento sarà presentata la piattaforma virtuale sostitutiva del classico sportello fisico per l’avvio delle attività economiche: il Suap si trasforma in e-Suap.

Previsti gli interventi del vicesindaco della città ospite, Enzo Rifino, Claudio Amato, presidente della scarl Murgia Sviluppo, Giovanni Buonamassa, l’architetto che dirige il Settore Tecnico del comune murgiano, Sabino Labarile, delivery manager della Code architects, la softwarehouse che ha progettato la piattaforma e Michele Martinelli, l’ingegnere responsabile unico del procedimento dello Sportello unico.

 

La società è operativa dal 2001. A dicembre 2013 la trasformazione in Scarl

UNA RISPOSTA UNICA E TEMPESTIVA

Depliant_MurgiaSviluppo2Nata alla fine degli anni Novanta in attuazione del Patto territoriale Sistema Murgiano, operativa dal 2001, Murgia Sviluppo ha sede ad Altamura. È passata attraverso diverse fasi. Non pochi i momenti di difficoltà, tutti però superati brillantemente. Negli ultimi anni c’è stata una sorta di cambiamento di pelle: da una parte la trasformazione in società consortile, dall’altra il fatto che ai vari comuni di Gravina, Santeramo, Bitetto, Laterza sono subentrati Capurso, Casamassima, Conversano ed è prossimo l’ingresso di Alberobello.

Murgia Sviluppo gestisce lo Sportello unico per le attività produttive che si appresta ad avere un nuovo modello organizzativo, frutto della convenzione sottoscritta il 12 dicembre 2013. Essa rappresenta “l’unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva”, in grado di fornire “una risposta telematica unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento”. Dunque, esso è un organismo di diritto pubblico che opera da supporto tecnico-amministrativo a carattere non discrezionale, mediante apposito contratto di servizio sottoscritto dal municipio di Altamura e la società consortile.

Nel corso del 2016, attraverso i canali che fanno capo alla sede di Murgia Sviluppo in via 2 giugno, sono transitate oltre tremilacinquecento pratiche. Negli ultimi mesi, i tempi di lavorazione si sono alquanto ridotti. L’ultimo Consiglio dei sindaci ha fra l’altro deliberato il nuovo tariffario, con sostanziali riduzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *